Microsoft Informazioni sulla privacy di Internet Explorer 8

Microsoft Informazioni sulla privacy di Internet Explorer 8

Un video pubblicato sul sito Web TechNet Edge di Microsoft (ora non disponibile ma ancora disponibile come pagina memorizzata nella cache) ha causato alcune polemiche su Internet.

Nel video Pete LePage, product manager di Microsoft IE, confronta il modo in cui Google Chrome gestisce l’input dell’utente nella barra degli indirizzi con il modo in cui Internet Explorer 8 arriva alla conclusione che Google Chrome invia ogni battitura (anche senza premere il tasto Invio) a Google mentre Internet di Microsoft Explorer 8 non lo fa.

La seconda metà del video discute poi la modalità InPrivate di Internet Explorer 8 che è una modalità di navigazione privata che consente agli utenti di Internet Explorer di accedere al web senza lasciare tracce sul sistema del computer locale.

Dai un’occhiata al video qui sotto:

Il confronto è problematico in diversi modi. Internet Explorer 8 di Microsoft utilizza una barra degli indirizzi e una barra di ricerca per distinguere tra i due mentre il browser Chrome di Google utilizza una barra degli strumenti sia per le ricerche che per gli indirizzi digitati.

Il punto che LePage sta cercando di fare è che il browser Chrome invia tutte le sequenze di tasti a Google, il che è corretto per le impostazioni predefinite del browser. Le sequenze di tasti vengono inviate alla Ricerca Google e potenziano la funzionalità di suggerimento.

Se l’utente Chrome cambia il provider di ricerca, le sequenze di tasti vengono inviate a tale provider e non a Google. Lo stesso principio vale anche per il modulo di ricerca di Internet Explorer 8. LePage ha ragione sul fatto che le sequenze di tasti vengono inviate, ma non deve essere necessariamente Google a riceverle. Tuttavia, la maggior parte degli utenti probabilmente rimarrà con Google su Chrome.

Un utente che cambia Ricerca Google in Bing nel browser Chrome invierà invece tutte quelle sequenze di tasti a Microsoft.

È inoltre possibile disattivare questa funzione nelle impostazioni del browser web nelle impostazioni avanzate.

Deselezionando “Utilizza un servizio di previsione per completare le ricerche e gli URL digitati nella barra degli indirizzi” disattiva la funzione nel browser Chrome.

dati google chrome

Vedere, come disabilitare le funzionalità invasive della privacy in Chrome per ulteriori informazioni.

La seconda metà del video illustra la funzionalità InPrivate che consente agli utenti di Internet Explorer di accedere a Internet senza lasciare tracce sul sistema del computer locale una volta chiusa la sessione. Molti commentatori hanno criticato quella parte perché LePage non menziona che Google Chrome offre una funzionalità simile (chiamata InPrivate Browsing).

Alcuni spettatori potrebbero giungere alla conclusione che Google Chrome non abbia una funzione simile. Inoltre, l’intenzione del video non era quella di confrontare Google Chrome e Internet Explorer 8, ma di mostrare alcune delle funzionalità di privacy di Internet Explorer.